Ricerca


TVK Ricerca
Il kart costituisce il primo gradino nella scala dei veicoli da corsa: ha come presupposto di base la massima semplicità di realizzazione e di utilizzo, pur contenendo alcuni degli elementi fondamentali di una monoposto da competizione. La progettazione e la messa a punto di un go-kart hanno subito, dagli albori fino ad oggi, una evoluzione essenzialmente sperimentale. Lo stato dell'arte di questo settore dei veicoli da competizione è il frutto di anni di sperimentazione e prove in pista e solo da poco inizia a farsi strada la coscienza del miglioramento che l'approccio scientifico può dare. Infatti, di recente, il karting si sta evolvendo verso un contenuto tecnologico tale da necessitare di criteri e strumenti di progettazione caratteristici dell'ingegneria moderna ed ha inevitabilmente coinvolto anche il mondo accademico.
  Sezione: Descrizione:
Meccanica Strutturale L'obiettivo degli studi sul kart da un punto di vista strutturale è quello di mettere a punto dei modelli integrati di simulazione e progettazione per tener conto sia delle caratteristiche del telaio che dell'interazione pilota-veicolo-pista. Gli strumenti scientifici a disposizione vanno dalla meccanica classica all'approccio ad elementi finiti, passando attraverso la caratterizzazione sperimentale, la dinamica del veicolo e le tecniche multibody; proprio per garantire la continuità di risultati tra le evidenze sperimentali ed i modelli di calcolo, sono stati attrezzati un laboratorio per misure ed un sistema di telemetria.
Fluidodinamica La Fluidodinamica ricopre un aspetto molto importante della progettazione dei motori a combustione interna. La sua applicazione al karting può essere rivolta a numerosi aspetti come l'ottimizzazione dei condotti di aspirazione e scarico, il miglioramento dei sitemi di immissione della carica e della combustione, l'ottimizzazione delle prestazioni in termini di coppia e potenza e l'abbattimento delle emissioni gassose ed acustiche. Un ruolo fondamentale viene ricoperto dalla Fluidodinamica Numerica che fornisce degli strumenti di previsione e simulazione molto affidabili, al fine di abbattere tempi e costi di progettazione e sviluppo.
Interazione fluido-struttura La progettazione meccanica e l'ottimizzazione di alcune parti necessita di tener conto della mutua interazione di fluido e struttura. Dunque è spesso necessario studiare fenomeni dove la meccanica strutturale e la fluidodinamica sono intimamente accoppiate, al fine di cogliere il comportamento reale di tali componenti.
Interazione Pilota-Kart L'interazione uomo-macchina è un argomento di recente sviluppo nel campo dell'ingegneria. Nel settore automobilistico trova applicazioni finalizzate a ergonomia, confort e sicurezza. Nel caso del kart tale disciplina trova sbocchi ancor più interessanti, essendo possibile orientare la ricerca sia alle esigenze del pilota che al comportamento del kart in pista, dal momento che il pilota costituisce circa il 50% del peso totale.
Modellazione 3D La modellazione tridimensionale riveste un ruolo di primaria importanza, non solo per visualizzare modelli virtuali della realtà, ma anche per fornire il punto di partenza per tutte le simulazioni numeriche. Infatti ogni simulazione, sia essa strutturale o fluidodinamica, necessita di una schematizzazione della realtà, una modellazione appunto, sulla quale risolvere il problema fisico assegnato. Il livello di dettaglio del modello è relativo al tipo di applicazione ingegneristica che si vuole realizzare ed al relativo problema fisico.
Trasferimento Tecnologico Tor-Vergata Karting ha promosso negli ultimi anni numerosi progetti di trasferimento tecnologico. Questa nuova sezione del sito internet ospita alcuni dei progetti di maggiore rilievo.