Università degli Studi di Roma "Tor Vergata"

Corso di Laurea e Dipartimento di Ingegneria Meccanica

 
 

Ultimi

Archivio

Autori

Mappa del Sito

English Home Page

Spanish Home Page


Home Page

Archivio Home Page

Ricerca

Karting

Didattica

Collaborazioni

Dicono di noi

Comunicati Stampa

Wallpapers

Contatti

Pubblicazioni

Gli Strumenti del Race Engineering

Associazioni

Canali Televisivi

Federazioni

Persone

Riviste

Tecnologie

Università e Ricerca

Suggest a link


0

TVK : LA GIUSTA FORMULA PER LA VITTORIA!


TVK Ricerca Meccanica Strutturale


Metodo, know-how e passione per raggiungere la vittoria.
Sono questi gli ingredienti essenziali che hanno permesso al TVK di affrontare in modo vincente il moderno “racing environment”.
La stagione 2004 ha visto infatti il gruppo TVK a supporto del team DBF Motorsport nel campionato italiano “Racing for Gloria”, monomarca destinato alle giovani leve che coniuga sotto lo stesso nome competitività , visibilità a livello nazionale, e possibilità di mettere in gioco le proprie capacità.

Ed in questo contesto TVK non ha fallito! Il 2004 infatti ha registrato agli allori la vittoria del campionato italiano da parte del team DBF, sia nella classifica piloti che in quella per team ; la notevole capacità di adattamento alle condizioni gara e una costante continuità di rendimento hanno permesso inoltre di portare a casa il titolo con due gare di anticipo.


Davide Amaduzzi (DBF Motorsport) in pole position nella gara decisiva di Vallelunga.


La nostra ricetta? Innanzitutto ,per rispettare i limiti imposti da costi e tempi di sviluppo, si è pensato ad una accurata pianificazione della stagione.
Ad una fase preliminare di misurazione dei principali parametri dinamici della vettura è seguita una fase di test specifici per misurare l’influenza dei singoli parametri di setup sul comportamento della stessa; i test in pista sui circuiti previsti dal calendario del campionato hanno poi completato il lavoro di sviluppo e perfezionamento del sistema pilota-macchina.
Parallelamente a questa attività sono stati sviluppati dei tools numerici di supporto per il calcolo cinematico e strutturale del corpo vettura. Grossa attenzione è stata dedicata in questa fase alla validazione numerica dei tools sviluppati. Questo approccio ci ha permesso di demandare al week-end di gara il solo compito di raffinamento del feeling pilota vettura.


La strategia di pianificazione della stagione.


La campagna di misurazione delle caratteristiche della vettura ha previsto :
- l’individuazione 3D del baricentro delle masse sospese e non sospese.
- l’identificazione del sistema di sterzo in termini di effetto ackermann e bump steer.
- la stima dei valori di rigidezza di molle e barre antirollio.
- lo studio dei punti di attacco delle sospensioni per il calcolo della posizione statica del centro di
rollio anteriore e posteriore.


I parametri misurati della vettura.


Una volta acquisiti i parametri vettura sono stati sviluppati un modello multibody della vettura per lo studio e validazione dei cinematismi della sospensione e per analisi di handling, ed un modello FEM del telaio per stimare il valore di rigidezza torsionale, e gli effetti di compliance sugli elementi sospensivi.


Il modello multibody del veicolo.


Per migliorare il lavoro di sviluppo è stato inoltre potenziato il sistema di acquisizione dati, che per regolamento prevedeva solamente un sensore per la velocità, per gli Rpm e per l’accelerazione laterale. A questi sono quindi stati aggiunti il sensore del pedale acceleratore e dello sterzo (per identificare le caratteristiche di guida del pilota), e quattro potenziometri lineari sugli ammortizzatori per lo studio del comportamento a pitch e roll, per il setup corretto degli ammortizzatori e infine per la valutazione delle forze verticali agenti sui pneumatici.


Il modello FEM del telaio.


Come detto sono state previste delle sessioni di test prima dell’inizio della stagione.
Quelli specifici hanno riguardato lo steering-pad a varie velocità e varie curvature per le analisi in stato stazionario, test su percorso ovale per lo studio del comportamento in transitorio e test di accelerazione e frenata per la stima delle massime accelerazioni longitudinali e per lo studio delle varie configurazioni aerodinamiche. Grossa importanza in questa fase ha rivestito lo sviluppo di flow chart di ausilio nella scelta del setup a partire dal database di dati raccolti, al fine di velocizzare il lavoro di sviluppo nel week-end di gara. Infine le sessioni di test sui circuiti stabiliti dal calendario ha permesso di focalizzare tutti gli obbiettivi alla migliore performance sul dato tracciato.


Flow chart della metodologia integrata.


I risultati ottenuti al termine di una stagione grandiosa non fanno che ben sperare nel futuro di TVK.


Andamento della stagione.





Hai dimenticato la tua password?



Vuoi essere informato sugli aggiornamenti del sito? Registrati



TVK ©2002-2003 Università degli Studi di Roma "Tor Vergata"
E' vietata la riproduzione non autorizzata dei contenuti del sito.

Sito progettato e realizzato per una risoluzione minima 800x600
Per segnalazioni, rivolgersi al webmaster
Realizzazione 2002